GNOCCHI DI PATATE

gnocchi-crudi

In Italia vi sono vari tipi di gnocchi, di patate, di semolino, di ricotta e farina, in brodo, di zucca, di farina gialla, e sono tutti molto gustosi, almeno a mio giudizio. Pensate che gli gnocchi sono un piatto diffuso anche nell’area dell’Europa orientale, io li ho mangiati in Polonia. Quelli che preferisco sono comunque “nostrani”, di farina e patate, i più conosciuti e i più cucinati e di questi vorrei presentarvi la preparazione.

Mi piace ricordare un aneddoto riportato nel suo “sacro” libro di ricette dal maestro Pellegrino Artusi: “…una signora, appena affondato il mestolo per muoverli nella pentola, non trovò più nulla; gli gnocchi erano spariti” . ” O dov’erano andati” mi domandò con premurosa curiosità un’altra signora, a cui…raccontai il fatto…. “Non inarchi le ciglia, signora,” risposi io, “ché lo strano fenomeno è naturale: quegli gnocchi erano stati intrisi con poca farina e appena furono nell’acqua bollente si liquefecero.”   nota (1)

Quindi, fate attenzione care/i cuoche/i !!!

Ingredienti: per 6 persone

gr. 300 di farina bianca

gr. 1200 di patate adatte per gnocchi

un uovo

Esecuzione:

° Dopo avere bollito le patate intere, scolatele e spelatele; quindi passatele con lo schiacciapatate

° Versate la farina sul tagliere, unitevi le patate schiacciate e un uovo, facendo attenzione a raccogliere bene i tre componenti, evitando che si spargano sulla spianatoia

° Impastate bene patate, farina e uovo

° Quindi, mantenendo la spianatoia infarinata, formate dei lunghi cilindri di circa cm.1,5 di diametro e tagliateli a tocchetti di circa cm.2            (oppure, se li preferite più grandi, rispettivamente di cm.2 di diam. e lunghi cm.3) – Vedi foto

° Potete, se avete tempo, anche modellarli, ad uno ad uno, scavandoli delicatamente col pollice sulla parte interna d’ una forchetta o sulla parte rovesciata di una grattugia (oppure sull’apposito strumento detto”rigagnocchi”): non è comunque un’operazione difficile, solo un po’ lunghina.

° Versandoli con attenzione nella pentola, cuocete gli gnocchi in abbondante acqua salata, a bollore, ma a fuoco moderato

° Quindi, quando vedete che sono venuti tutti a galla, dopo una manciata di secondi, con l’ apposita schiumarola scolateli versandoli direttamente nella padella nella quale avrete fatto cuocere o riscaldato il sugo preferito.

Condimenti consigliati:

* burro e oro : burro fuso in salsa di pomodoro fatta in casa con sedano, carote, cipolla; parmigiano grattugiato. Per la salsa di pomodoro vedi ricetta: Posted by A. on January 26th, 2011

* ragù : vedi la ricetta  in questo blog, Posted by A. on January 8th, 2011

* al gorgonzola: vedi ricetta – condimento al gorgonzola – in questo blog, Posted by A. on January 9th, 2011

* al pesto genovese: vedi ricetta Posted by A. on May 1st, 2011

Vini suggeriti: Lambrusco, Sangiovese, Monterosso dei Colli Piacentini, Chardonnay, Verduzzo.

nota (1): cit. da P.Artusi “L’Artusi” Garzanti-Vallardi I ed.,1978,   pag.75

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.