RISOTTO ALLA TINCA

risotto tinca 5

La tinca è un pesce d’acqua dolce appartenente alla famiglia dei Ciprinidi. E’ onnivora, vive in acque  stagnanti ma può resistere anche alcune ore fuori dall’acqua grazie alla sua capacità di sigillare ermeticamente le branchie mantenendo così sufficiente umidità per non danneggiare l’apparato respiratorio. La sua carne, generalmente apprezzata nelle località lacustri, è stata di recente rivalutata anche dai ristoranti più tradizionali: il risotto alla tinca ha ormai acquisito la fama di piatto gustoso e raffinato. Se volete provarlo, ecco la ricetta.

Ingredienti per 4 persone:

2 tinche del peso di circa 200 gr. ciascuna

400 gr. di riso Carnaroli (o Arborio, o Vialone Nano)

1 mazzetto di cipollotti rossi di Tropea

1 manciata di prezzemolo

qualche foglia di salvia

1 barattolo di pomodori pelati da 400 gr.

1 bicchiere di vino bianco secco

50 gr. di farina

1/2 bicchiere d’olio extravergine

3 dadi vegetali

Esecuzione:

Lasciate le tinche immerse in acqua fredda e aceto (1/2  bicchiere abbondante) per qualche ora prima di iniziare a cucinarle

– Eviscerate e decapitate le tinche, lavatele, infarinatele e fatele soffriggere in una padella antiaderente con l’olio, le foglie di salvia e i cipollotti tritati grossolanamente

– Quando cominceranno a dorarsi e la pelle a staccarsi toglietele dalla padella e trasferitele in altro recipiente

– Passate tutto il fondo di cottura attraverso un colino o un setaccio e versatelo in pentola a pressione (oppure in una casseruola se volete cucinare il risotto in maniera tradizionale)

– Mettete la pentola sul fuoco, aggiungete i pomodori pelati spezzettati, il prezzemolo tritato e il vino bianco

– Ricavate dalle tinche 4 filetti facendo molta attenzione ad eliminare completamente la pelle e le lische

– Uniteli al sugo in pentola a pressione e fate cuocere il tutto per circa 20 minuti

– Quando il sugo si sarà ristretto alzate la fiamma e versate il riso (* Nota *) e i cubetti di dado, rimescolate e dopo un paio di minuti aggiungete 2-3 decilitri d’acqua calda

– Rimescolate nuovamente e sigillate la pentola a pressione

– Regolate il timer a 5 minuti dal sibilo. Terminata la cottura attendete 1-2 minuti poi aprite la pentola, riponetela sul fuoco, versate un altro filo d’olio  e mantecate per un minuto circa

E’ un risotto veramente gustoso, saporito ma delicato. Buon appetito!

* Nota * : Se preferite il metodo di cottura tradizionale aggiungete brodo vegetale poco a poco rimescolando sempre con un cucchiaio di legno fino a cottura ultimata.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.