TAGLIATELLE AGLI STRIDOLI

tagliat stridoli 8-ter

Nome scientifico “silene vulgaris“, più comunemente “stridoli” (forse dallo stridore che fanno allo sfregamento) o “strigoli”. Si tratta di un’erba perenne, dalle foglie tenere, leggermente carnose e dal sapore che ricorda vagamente l’asparago e lo spinacio. In primavera esibisce un fiore a palloncino che, schiacciato, ha il suono di un leggero scoppio: da qui un altro nome popolare, “schioppetini”.

Gli stridoli crescono più o meno in tutt’Italia (conosciuti con tanti nomi diversi), ma è in Romagna che se ne fa un uso assiduo: per condire la pasta, per le frittate o per le misticanze ed è facile trovarli, raccolti in mazzetti, sui banchi dei mercati rionali o di qualche supermercato. Se vi trovate in quei paraggi approfittatene, perchè difficilmente  li troverete in altri luoghi, a meno che non sappiate dove raccoglierli personalmente.

La silene vulgaris era nota anche nell’antichità: si tramanda la leggenda di un certo Sileno, compagno di Bacco, con una grande pancia, cioè il fiore panciuto dello stridolo; secondo altre fonti,  il suo nome deriverebbe invece da “Selene”, la Luna.

In alimentazione si usano i getti e le foglie tenere prima della formazione dei fiori. Gli stridoli sono un delizioso condimento per le tagliatelle e vi consiglio vivamente di provare la ricetta che vi propongo: non ve ne pentirete.

Ingredienti per 4 persone

400 gr. tagliatelle fresche all’uovo o 320 gr. secche

2 mazzetti di stridoli

120 gr. di panna liquida

3-4 cucchiai di passata grossa (non troppo densa) di pomodoro

olio extravergine q.b.

Esecuzione:

– Pulite gli stridoli staccando le foglie dai gambi, lavateli bene e tagliuzzateli in 2 o pezzi

– Fateli appassire in una padella antiaderente con un po’ d’olio e un dito d’acqua calda

– Aggiungete la panna liquida e dopo poco il pomodoro e lasciate cuocere a fuoco basso per circa 5 minuti

– Intanto avrete lessato le tagliatelle; scolatele al dente, mantenendole leggermente acquose, e versatele nella padella. Rimescolate sul fuoco e portate in tavola.

Sarà un sicuro successo e verranno apprezzate anche dai palati più fini. Questo condimento è molto indicato anche per pasta ripiena (ravioli con ricotta e spinaci, tortelli ai formaggi, ecc.).

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.