ORATA ALLA GRIGLIA SU LETTO DI VERDURE

orata_2

L’ orata, dal nome latino “Spaurus aurata”, viene detta in francese daurade, in spagnolo dorada, in inglese gilt-head bream, in greco tsipoùra….e ciò dimostra la sua diffusione nella cucina mediterranea e non solo, anche negli USA ha catturato i gusti degli americani.  E’ un pesce eccellente, assai pregiato, dalle carni bianche, morbide e delicate, ma saporite; le poche spine la rendono bene adatta anche ai bambini di gusti più difficili. La preparazione qui sotto illustrata non si presenta particolarmente complessa, pur tuttavia richiede una certa abilità e delicatezza nella cottura su griglia. Provatela, penso che soddisferà pienamente il vostro gusto, se vi piace il pesce.

Ingredienti:      per 2 persone

1 orata fresca di circa gr. 700 possibilmente           altrimenti 2 più piccole

spicchi d’aglio

prezzemolo abbondante, tritato non fine

2 foglie di alloro

2 rametti di rosmarino

succo di limone

1/2 bicchiere di olio extravergine di oliva

sale e pepe  q.b.

Contorno:

 insalatina novella o valeriana (detta anche soncino)

pomodori

cipollotti bianchi

qualche foglia di basilico

Esecuzione:

°  Desquamate l’orata e devisceratela sotto l’acqua corrente

°  Con un po’ di olio, limone, sale e pepe mescolate bene aglio, rosmarino, 2 foglie di alloro e prezzemolo tritato e riempite la pancia dell’orata, adagiandola su un vassoio ovale; vi consiglio di lasciare indietro un pochino di tale farcitura per la successiva cottura

° Strofinate le parti esterne del pesce con un po’ d’olio d’oliva e con uno spicchio di aglio

° Accendete il gas sotto una griglia (o bistecchiera) antiaderente di superficie rettangolare abbastanza grande, e, quando la piastra è bella calda, dopo avere sgocciolato bene il pesce, deponetelo con cura sulla griglia, stando attente/i a non romperne il corpo e a non schizzarvi.

° A fuoco moderato, continuate poi la cottura da entrambe le parti, rigirando il pesce (non con forchette, ma con apposita spatola!) con attenzione e delicatezza e ungendolo un pochino con quanto rimasto degli ingredienti di farcitura (vedi sopra)

° L’orata dovrà dorarsi da entrambi i fianchi… mentre voi dovrete assicurarvi con uno stuzzicadente che sia cotta anche all’interno, che dovrà risultare bianco e morbido, non rosso-crudo.

Presentazione in tavola:

Nel frattempo preparate, dopo averli lavati, i pomodori,  i cipollotti tagliati a rondelle fini e l’insalatina. Disponete su due  piatti (possibilmente grandi) le tre verdure con qualche foglia di basilico, in modo da separarle in tre colori, come nella foto sopra

° A cottura avvenuta, tagliate con delicatezza il pesce a metà per la lunghezza, togliendone la testa e la lisca, quindi adagiate ciascun filetto sul letto di verdure

° Cospargete l’orata e le verdure con un po’ d’olio, ma sempre e solo olio extravergine d’oliva non filtrato!… e… Buon Appetito!

ULTIMO CONSIGLIO:    

° Per una maggior raffinatezza di gusto, accompagnate questo piatto di pesce con un buon vino bianco fresco secco, della Sicilia, tipo Inzolia, Grillo, Grecanico,  o Falanghina del Sannio. Molto adatto anche un Bianco di Custoza.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.