RISOTTO ALLE VONGOLE

risotto vongole 1

Il risotto alle vongole, classico della cucina marinara, immancabile sul menu di ogni ristorante costiero, è un piatto cucinato di frequente anche nelle nostre case.

La preparazione tradizionale richiede (almeno) due ore circa, necessarie per pulire e sgusciare le vongole (1 kg. per 4 porzioni) e per cuocere il risotto (che deve essere rimescolato continuamente).

La ricetta che vi propongo riduce notevolmente i tempi, grazie all’utilizzo di vongole surgelate o conservate al naturale in vasetto e all’uso della pentola a pressione che velocizza la cottura. Dite che non è ugualmente buono? Vi sbagliate, il risultato è eccellente, con il vantaggio di avere risparmiato non poco tempo. Ciò non toglie che possiate comprare le vongole (fresche!), lavarle 2 o 3 volte, farle aprire, sgusciarle, eccetera eccetera… ma prima di decidere leggetevi la ricetta, che comunque potete realizzare anche se avete scelto vongole fresche.

Ingredienti per 4 persone:

200 gr. circa di vongole surgelate (o pari peso sgocciolato di vongole al naturale); la dose corrisponde a circa 1 kg. di vongole fresche col guscio

400 gr. di riso per risotti (carnaroli, vialone nano, arborio)

15 gr. circa di prezzemolo

1 spicchio di aglio piccolo

2-3 cipolline fresche o 1 scalogno

2 peperoncini freschi piccanti

3 dadi per brodo vegetale

3-4 cucchiai di cubetti di pomodoro o 3-4 pomodori pelati

olio extravergine q.b.

Esecuzione:

– Scongelate le vongole se avete scelto quelle surgelate; per un più rapido scongelamento immergete la confezione (sigillata nella sua plastica) in acqua fredda

– Tritate il prezzemolo (pulito e lavato) insieme allo spicchio d’aglio, alle cipolline (o scalogno) e ai peperoncini svuotati dai semi; se volete spargere un po’ di prezzemolo fresco sui piatti da portare in tavola, tritatelo separatamente e tenetelo da parte per questo uso

– Fate scaldare un po’ d’olio nella pentola a pressione insieme agli odori tritati e, non appena inizia a soffriggere, unite le vongole (se utilizzate quelle in vaso, scolatele dal liquido senza buttarlo); rimescolate con il cucchiaio di legno e irrorate con un po’ di liquido delle vongole o, se non l’avete, con poco vino bianco

– Intanto avrete scaldato sul gas un bricco con circa  3 decilitri d’acqua

– Versate il riso nella pentola, alzate la fiamma e rimescolate

– Lasciate tostare il riso per circa un minuto, rimescolando, poi aggiungete i dadi con un po’ dell’acqua calda che avete preparato, quindi unite i cubetti di pomodoro o i pelati tagliati a pezzetti

– Aggiungete l’acqua per la cottura (la quantità è sempre indicativa, a seconda che vogliate un riso più o meno asciutto), rimescolate e chiudete la pentola

– Al sibilo abbassate la fiamma e regolate il timer a 5 minuti (consiglio l’uso della reticella frangifiamma)

– Terminata la cottura aspettate ancora uno o due minuti prima di aprire la pentola

– Svaporate la pentola, rimettetela sul fuoco aperta, versate un filo d’olio e rimescolate energicamente

– Spegnete il gas, distribuite il risotto nei piatti e, se vi piace, spargete un po’ di prezzemolo fresco.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.