SARDE A BECCAFICO (ricetta palermitana)

sarde beccafico 10

Piatto tipico della Sicilia, le sarde a beccafico sono la versione povera degli uccelletti (beccafichi) che i nobili siciliani, in un passato neanche tanto lontano, gustavano alla loro lauta tavola: infatti, la forma degli involtini di sarde farcite ricorda quella di uccelletti al forno.

La gustosità del piatto è proprio da ricercare negli ingredienti caratteristici della cucina siciliana: pesce azzurro, pinoli, uva passa, olio d’oliva, sale, tutti prodotti del luogo.

La preparazione – non rapidissima – richiede un minimo di manualità nel confezionamento degli “involtini” di sarde: ne varrà comunque la pena.

Ingredienti per 4 persone:

700 gr. di sarde

45 gr. di uva passa

65 gr. di pinoli

5 cucchiai di pangrattato

1 cucchiaino di zucchero

un ciuffetto di prezzemolo

3-4 foglie di alloro

sale fino (e pepe, se vi piace) q.b.

olio extravergine q.b.

succo di 1/2 limone

Esecuzione:

– Fate ammollare l’uvetta in acqua tiepida (almeno mezz’ora)

– Squamate le sarde, evisceratele, togliete testa e lisca e apritele a libretto; lavatele in acqua fredda e fatele scolare in un colapasta

– Fate dorare in padella, senza bruciare, 4 cucchiai di pangrattato (1 cucchiaio dovrà essere conservato per un uso successivo)

– Quando il pangrattato avrà preso colore toglietelo dalla padella e versatelo in una ciotola

– Conditelo con un filo d’olio, rimescolate con una forchetta e unite i pinoli, l’uvetta strizzata e il cucchiaino di zucchero, sale e pepe quanto basta

– Spargete su ogni sarda un cucchiaino di questo composto, avvolgete e fermate con uno stuzzicadente

– Disponete tutti gli involtini in una pirofila unta con un filo d’olio; se vi è rimasto del ripieno, scrollate pinoli e uvetta dal pangrattato e distribuiteli sulle sarde; spolverate ora con il pangrattato messo da parte, irrorate con un filo d’olio e col succo di limone

– Distribuite infine su tutto le foglie di alloro e infornate a 200° per 20 minuti

– A cottura terminata estraete la teglia e lasciate riposare per circa 15 minuti prima di servire.

Nota: Di questo piatto esiste anche una ricetta catanese che differisce per l’uso del formaggio e perchè le sarde, dopo la farcitura, vengono impanate e fritte.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.