CRESCENTINE FRITTE

crescentine 8

Nel bolognese, nei pressi delle trattorie di campagna o nelle sagre paesane, è facile sentire nell’aria il profumo invitante delle crescentine: quadrati di pasta fritta, soffici e gonfi, che vengono serviti, caldissimi, con salumi e formaggi. Simili alla “torta fritta” del parmense e allo “gnocco fritto” del modenese, sono parte integrante della tradizione gastronomica bolognese. Le nostre nonne e mamme, ben più esperte delle moderne cuoche, custodivano gelosamente la personale ricetta delle crescentine, che allora venivano fritte esclusivamente nello strutto prelevato dalla “vescica di maiale” conservata al fresco in tutte le case.

Non sono più quei tempi né quelle cuoche… Io stessa, che pure non disdegno occuparmi di cucina, molto raramente mi dedico a ricette laboriose preferendo in genere le preparazioni di effetto ma abbastanza rapide. Nella mia vita, ormai non tanto breve, ho cucinato poche volte le crescentine, con risultati discreti ma non eccellenti. Ieri ho voluto provare  – con soddisfazione – la ricetta di una persona che mi aveva fatto assaggiare crescentine veramente ottime. Ecco come realizzarle.

Ingredienti per 6-8 persone (porzioni abbondanti):

1 kg. di farina 00

2 dosi di lievito “Pane degli Angeli – Pizzaiolo”

2 cucchiai di olio di mais

2 cucchiaini colmi di sale fino

600 gr. circa di latte

1 litro di olio di mais per friggere

Esecuzione:

– Fate intiepidire il latte

– In una terrina capiente mescolate con una forchetta la farina con le dosi, l’olio e il sale fino

– Unite poco per volta il latte tiepido (non caldo) mescolando fino ad ottenere un impasto morbido

– Stendete la pasta con il mattarello per uno spessore di circa 3 mm. (questa è l’operazione per me più faticosa, ma se ce l’ho fatta io potete farcela anche voi)

– Con una rotella tagliapasta (che nel bolognese chiamiamo “spronella”) dividete la sfoglia in quadrati di circa 8-10 cm. di lato

– Friggeteli nell’olio caldo e raccoglieteli quando saranno appena dorati, gonfi e soffici

– Scolateli bene e depositateli sulla carta assorbente.

Le crescentine vanno accompagnate con affettati misti, formaggi morbidi o stagionati, sottaceti o sottolio. Si possono consumare come spuntini pomeridiani o, in porzioni maggiori, come piatti unici. Unica raccomandazione, non esagerare:  una tira l’altra, come le ciliegie.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.