TASCA DI VITELLO FARCITA

arro-vitello farcito 3

Qualcosa di più del solito arrosto? Un secondo di carne gustoso e saporito che sarà di sicuro effetto anche in un pranzo importante? Eccovi accontentate: la ricetta che vi propongo fa proprio al caso vostro, non presenta particolari difficoltà né richiede una lunga cottura.

Ingredienti:

800 gr. di vitello (fesa o punta di petto) confezionato a tasca

150 gr. di polpa di maiale

100 gr. di mortadella

50 gr. di parmigiano grattugiato

1 panino raffermo

1/2 bicchiere di latte

1 uovo

noce moscata grattugiata

100 gr. di pancetta dolce affettata

1 bicchiere di vino bianco secco

1 rametto di salvia

1 rametto di rosmarino

sale fino, olio extravergine q.b.

Esecuzione:

– Innanzi tutto, la tasca:

a) Potete farvela preparare dal macellaio oppure procedere come al punto b)

b) Con un coltello appuntito e ben affilato praticate una larga incisione all’interno del pezzo di carne facendo attenzione a non forare l’altra estremità

– Preparate il ripieno: tritate finemente la polpa di suino insieme alla mortadella, unite il parmigiano grattugiato, l’uovo, la noce moscata, un pizzico di sale e il panino ammollato nel latte e strizzato

– Lavorate il composto finchè sarà ben amalgamato

– Ora con l’impasto farcite la tasca, aiutandovi con un cucchiaio; ricucite l’apertura per evitare che il ripieno esca durante la cottura

– Con le fette di pancetta fasciate tutt’intorno la carne, legatela con spago per alimenti sotto il quale farete passare i rametti di salvia e rosmarino in modo che restino ben fermi

– Sistemate l’arrosto in una casseruola, conditelo con un filo d’olio e ponetelo  in forno a 175-180 gradi

– Quando sarà ben rosolato da tutti i lati (occorrerà circa mezz’ora) annaffiate con 1/2 bicchiere di vino (conservate il resto che userete in seguito) e fate sfumare, poi abbassate la temperatura del forno a 150°

-Cuocete a questa temperatura per circa un’ora controllando la cottura e bagnando di tanto in tanto con il vino restante

– Servite ben caldo tagliato a fette non troppo sottili con un contorno di spinaci gratinati o di patate arrosto.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.