MIGLIACCIO NAPOLETANO

migliaccio 1

A coronamento finale di un recente pranzo offerto dai cugini Franco e Livia (un lauto pranzo, ve l’assicuro!) è stato portato in tavola un delizioso dolce che non avevo mai assaggiato in precedenza e del quale non conoscevo nemmeno l’esistenza: il migliaccio napoletano.

E’  un dolce carnevalesco a base di ricotta e semolino, dal gusto che vagamente richiama la pastiera napoletana, sostanzioso ma delicato. A me è piaciuto tantissimo e  mi sono trascritta la ricetta che riporto qui di seguito. Come per quasi tutte le ricette, potrete trovarne più versioni, ma questa vi consiglio di provarla: è squisita nella sua semplicità, sostanziosa ma non “pesante” e sarà molto gradita anche ai bambini.

Ingredienti per 10-12 porzioni (ovviamente potete dimezzare le dosi):

1 litro di latte

250 gr. di panna liquida

6 uova intere

400 gr. di ricotta

200 gr. di zucchero

200 gr. di semolino

1 bustina di vanillina

1 arancia e 1 limone non trattati

1 pizzico di sale

1 noce di burro

pangrattato q.b.

zucchero vanigliato q.b.

Esecuzione:

– Versare in una casseruola il latte, la panna, il semolino, un pizzico di sale fino, le scorze di 1/2 limone e di 1/2 arancio e mettere a bollire a fiamma media, rimescolando con un cucchiaio di legno o con una frusta per evitare la formazione di grumi

– Quando il composto inizierà ad addensarsi togliere le scorze di arancio e di limone e proseguire la cottura fino a quando otterrete una crema densa ed omogenea (l’intera operazione richiederà circa 20 minuti); spegnete e lasciate raffreddare.

– Intanto – magari con l’aiuto del mixer – montate le uova con lo zucchero, la vanillina e la ricotta, profumate con la scorza grattugiata di 1/2 limone  e lavorate il tutto fino a che il composto sarà spumoso e soffice

– Ora unite i due composti sempre aiutandovi con il mixer o rimescolando energicamente, fino ad ottenere una crema perfettamente amalgamata

– Ungete con poco burro una tortiera, spolveratela con farina o  pangrattato, versate il composto e ponete in forno a 175-180 gradi per i primi 20 minuti, quindi abbassate a 160 gradi e proseguite la cottura per una ulteriore mezz’ora circa. Quando vedrete la superficie dorata controllate la cottura con uno stuzzicadente: se esce pulito, potete spegnere il forno

– Lasciate raffreddare, poi spolverate la superficie con zucchero vanigliato. Servite freddo.

NOTE:

Successivamente alla pubblicazione della presente ricetta, in occasione di un pranzo tra amici ho voluto preparare il migliaccio napoletano e sulla base della mia esperienza personale vorrei aggiungere qualche consiglio:

1 – usate una  tortiera – non importa se rotonda, quadrata o rettangolare – alta circa 5 cm., preferibilmente in alluminio “usa e getta”;  nel riempirla tenete presente che il dolce aumenta di volume durante la cottura

2 – per sformare il dolce attendete che sia completamente freddo; per evitare di romperlo fatelo scivolare sul piatto da portata dopo aver tagliato i bordi della teglia

3 – preparatelo il giorno prima e conservatelo in frigo: freddo è molto migliore

4 – spolveratelo di zucchero vanigliato solo al momento di servirlo.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.