BUDINO DI MANDORLE E RICOTTA

IMG00120-20110106-1907

Anche i budini appartengono a una categoria supersfruttata dall’industria dolciaria: ne troviamo di tutte  le marche e per tutti i gusti, in buste con gli ingredienti già dosati e le istruzioni per la preparazione o in confezioni pronte da gustare.

Ma se avete un po’ di tempo a disposizione (diciamo, un’ora e mezza?) provate questa ricetta: è un budino abbastanza sodo (quindi non corre il rischio di “sedersi” una volta sformato), nutriente e di gusto molto gradevole.

Prima di tutto il “caramello”:

Una nota particolare sul “caramello”: troverete al supermercato le confezioni di zucchero caramellato già pronto ma non c’è paragone con il gusto e la consistenza del caramello preparato in modo tradizionale. Operazione, tra l’altro, molto più semplice che non si creda:

– mettete sul fuoco a fiamma media uno stampo con 2 cucchiai di zucchero semolato; nel liquefarsi assumerà un colore biondo tendente al bruno. Se si scurisce troppo allontanatelo subito dalla fiamma (potrebbe diventare amaro)

– quando lo zucchero sarà ben liquefatto, con una pinza muovete lo stampo in modo da far scivolare il caramello lungo le pareti;  per rivestirle completamente aiutatevi con un cucchiaio. Fate attenzione a non ustionarvi, in questa fase lo zucchero è rovente e lo stampo anche

Ingredienti per il budino:

300 gr. di ricotta

200 gr. di zucchero per il budino

4 uova intere

50 gr. di mandorle sbucciate

1 bustina di vanillina

scorza grattugiata di 1 limone

1 bicchierino di liquore (non troppo alcolico: ad esempio maraschino, cherry brandy, mandorla amara..)

2 cucchiai di zucchero per il caramello

Esecuzione:

– Preparare lo stampo con il caramello, come sopra specificato

– Tostare le mandorle nel forno e tritarle nel mixer (mediamente fini)

– In una terrina lavorare a spuma la ricotta con lo zucchero ed unire le uova, una per volta, poi le mandorle tritate, la vanillina e la scorza grattugiata del limone, incorporando bene tutti gli ingredienti nel composto

– Versare il composto nello stampo precedentemente caramellato e cuocere a bagnomaria nel forno a 160 gradi per circa 3/4 d’ora. Per verificare la cottura punzecchiate con uno stuzzicadente

– Terminata la cottura togliere dal forno e lasciar intiepidire, poi rovesciarlo sul piatto di portata e far raffreddare  in frigo per almeno un paio d’ore

– Al momento di servire irrorarlo con il liquore.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.