STRACOTTO DI MANZO

stracotto 4

Lo stracotto (assai simile ad uno stufato o ad un brasato) è una pietanza che richiede una lunga cottura a fuoco lento, quindi se non avete a disposizione abbastanza tempo (almeno mezza giornata) evitate di cimentarvi in questa preparazione.  Cucinato come si deve è veramente un piatto prelibato e sarebbe un vero peccato guastarlo per la troppa fretta. Nella ricetta che segue i tempi di cottura sono un po’ abbreviati grazie all’uso della pentola a pressione.

Lo stracotto è particolarmente indicato per il menu invernale di un giorno di festa, tenero, nutriente, con un saporito intingolo. Se lo servite come secondo accompagnatelo ad un ottimo purè di patate (fatto da voi! la ricetta è nel blog), ma potete anche presentarlo come piatto unico con un contorno di polenta. Se poi vi resta un po’ di sugo, utilizzatelo per condire le tagliatelle, saranno squisite!

Ed ora la ricetta.

Ingredienti per 6 persone:

un pezzo di manzo di prima qualità (scamone o noce) di circa kg. 1,200

50 gr. di pancetta a dadini

1 spicchio d’aglio

trito di sedano, carota e cipolla (complessivamente circa 150-200 gr.)

15 cl. di vino rosso corposo (un bicchiere scarso)

40 gr. di olio extravergine (circa 4 cucchiai)

3-4 cucchiai di passata di pomodoro

1 dado vegetale sciolto in 1/2 litro di acqua calda

sale, pepe (facoltativo)

Esecuzione:

– Per prima cosa steccate la carne con pancetta e aglio. Due parole sulla “steccatura” per chi non avesse mai eseguito questa operazione. Con un coltellino affilato e ben appuntito praticate su tutta la superficie della carne diverse incisioni profonde circa 2 cm. che via via farcirete, ora con un dadino di pancetta, ora con una piccola porzione di aglio (avrete già ridotto lo spicchio in piccoli pezzi), fino ad esaurimento degli ingredienti.

– Terminata la steccatura legate la carne con spago per alimenti; questa operazione non è indispensabile ma scoprirete che vi sarà molto utile per girare la carne durante la cottura; spruzzate con sale fino e, se volete, con un po’ di pepe

– In pentola a pressione fate delicatamente rosolare l’olio con il trito di verdure, quindi depositatevi la carne e fate rosolare anche questa su tutti i lati, per qualche minuto

– Ora innaffiate con il vino rosso e dopo un paio di minuti aggiungete la salsa di pomodoro e il brodo vegetale

– Chiudete la pentola e fate cuocere per 1 ora dal sibilo (se non usate la pentola a pressione il tempo va almeno raddoppiato)

– Terminata questa prima cottura aprite la pentola e riponetela sul fuoco bassissimo (con una reticella frangifiamma) per circa tre ore, cioè il tempo necessario per far restringere il sugo e renderlo più denso e cremoso; ogni tanto girate il pezzo di carne per farle assorbire il sugo in modo uniforme.

– Lo stracotto è pronto quando il sugo avrà assunto la giusta consistenza. Affettatelo e servitelo ricoperto dal suo intingolo. Assolutamente squisito!

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.