SANGRIA

IMG00077-20110105-1928

Famosa bevanda dolce e alcoolica di origine spagnola, la sangria deve il suo nome alla parola sangre=sangue, per il suo colore rosso. Molti sono i modi di preparazione, varianti dovute alle diverse zone della Penisola iberica in cui si prepara questa ottima e affascinante bevanda. Vi propongo la seguente ricetta, di non particolare difficoltà e di ottimo effetto, purchè  la sangria venga servita bella fresca ai vostri invitati.

Ingredienti: per 6/8 persone

1 mela

1 bell’arancia succosa

1 pesca (d’inverno non è disponibile, quindi fatene a meno)

3 cucchiai di zucchero

4 chiodi di garofano

8  bacche di ginepro

1 stecca di vaniglia

1 stecca di cannella (se piace)

1 litro di vino rosso di 12,5° / 13° , già raffreddato in frigo

10 – 12 cucchiai di Brandy

2 bottigliette di soda che avrete posto in frigo almeno un giorno prima e che dovrà essere ghiacciata al momento dell’uso.

Occorente:

1 bowl.       E’ un capiente vaso di cristallo o di vetro, che serve per preparare i Cocktails Champagne o quelli di grande quantità, come la sangria.      Va bene comunque anche una bella caraffa capiente, che penso abbiate fra i vostri servizi.

1 mestolino per vino  (Può andar bene anche quello piccolo che già possedete in cucina)

Esecuzione:

° Dopo avere sbucciato e affettato la frutta, ponetela nel bowl.

° Aggiungete poi la stecca di vaniglia, la cannella, i chiodi di garofano e le bacche di ginepro, quindi lo zucchero.

° Versate il Brandy e 1/4 del vino rosso, quindi ponete il recipiente nel frigo per 4 o 5 ore circa, coperto da pellicola trasparente.  Tenete in frigo il restante vino.

° Prima di servire, versate nel bowl il restante vino rosso freddo, mescolando per sciogliere lo zucchero.

° Infine versate le due bottigliette di soda ghiacciata.

° Servire la sangria con un apposito mestolino in tazze come quelle in figura oppure in coppe. La presentazione è molto importante per l’effetto… Alla vostra salute!!!

 ° Se ne rimane, riponetela in frigo.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.