MEZZELUNE AL MASCARPONE E GORGONZOLA

mezzelune mascarpone-gorgonzola

Vi presento una ricetta di media difficoltà, ma dal successo assicurato: le mezzelune al mascarpone e gorgonzola.

Le mezzelune: un formato di sfoglia che avvolge, racchiudendolo come una gemma preziosa, un morbido e delicato ripieno di due squisiti formaggi, mascarpone e gorgonzola, amalgamandone ed esaltandone il sapore.

Ingredienti: per 4  persone

per il ripieno:

gr. 150 di gorgonzola

gr. 150 di mascarpone

1 tuorlo d’uovo

2 cucchiai di parmigiano grattugiato

sale q.b.

per la sfoglia:

gr. 205 di farina 00

gr.   15  di farina di semola di grano duro

2 uova

per condire:

burro q.b.

abbondante parmigiano grattugiato

Esecuzione:

per il ripieno:

° In una terrina mettete il gorgonzola tagliato a pezzetti, il mascarpone, due cucchiai di parmigiano e 1 tuorlo d’uovo con un pizzico di sale fino.  Con un cucchiaio (o una forchetta), amalgamando gli ingredienti, lavorate accuratamente l’impasto, sì da renderlo ben omogeneo. Quindi coprite e ponete in frigorifero.          oppure: potete mescolare tutti gli ingredienti nel robot: sono sufficienti pochi secondi per rendere ben omogeneo il composto.

per la sfoglia:

° impastate bene la farina e le uova (potete servirvi del robot con la funzione-braccio impastatore); lasciate riposare l’impasto, che deve risultare abbastanza morbido, per 1/4 d’ora

° poi stendete la pasta con il mattarello, in modo da ottenere una sfoglia non tanto sottile, di non meno di mm. 1 di spessore.  Tenendo coperta con un canovaccio, perchè non si asciughi, la parte che non state utilizzando, tagliate due strisce alla volta, larghe circa cm. 12-13,  dalle quali con un apposito tagliapasta rotondo (dai contorni lisci o smerlati) dovete ricavare dei dischetti di cm. 6 di diametro ciascuno     

° Ora ponete su ogni dischetto 1 cucchiaino di ripieno. Poi, ripiegando ogni disco su se stesso, con le dita pressate bene la pasta tutt’ intorno al ripieno, in modo che i bordi siano dovutamente saldati nè si formino bolle d’aria all’ interno: ecco le vostre mezzelune! Adagiatele via via su un vassoio di cartone rivestito di carta da forno o su un tagliere di legno, cospargendole con una manciata di farina di semola di grano duro, affinchè non s’attacchino fra loro. Procedete nel medesimo modo con altre due strisce ed il ripieno, così, via via fino ad esaurimento degli ingredienti. Un consiglio: non buttate gli sfridi di sfoglia! Dai ritagli potete ricavare dei “maltagliati”.  Fate asciugare le mezzelune per un po’ di minuti             (**)

° oppure: Se non sapete o non vi va di stendere la sfoglia a mano, potete usare la macchina per la pasta. In questo caso stendete via via una striscia di pasta (di spessore non tanto sottile, almeno mm.1), di larghezza cm. 10 circa, tenendola morbida, quindi, dopo averne ricavato con il tagliapasta rotondo dei dischetti di diam. cm.6,  procedete  come spiegato sopra (**) per la sfoglia a mano. Rimpastate poi i ritagli di sfoglia unendoli alla pasta rimasta e continuate stendendo altre strisce … sino ad esaurimento del ripieno. Mentre lavorate, tenete coperto l’impasto (va bene anche in pellicola trasparente) affinchè non si asciughi e tagliatene via via il pezzo che vi serve per stendere le strisce

° Cuocete le mezzelune in abbondante acqua  salata in ebollizione. Scolatele accuratamente con l’apposita schiumarola –nota (1)- e a fuoco basso passateli delicatamente per qualche minuto in un’ampia padella antiaderente, ove avrete messo a fondere il burro. Cospargete di abbondante parmigiano grattugiato

° Servite in tavola le mezzelune ben calde. Ogni commensale cospargerà la porzione di altro parmigiano grattugiato, a piacere.  E ad ognuno… Bon Appétit !

nota (1) : Non usate mai lo scolapasta per scolarli, poichè in tal modo le mezzelune si potrebbero rompere, vanificando tutto il vostro faticoso lavoro.

Vini consigliati: Bianco di Custoza, Traminer, Grechetto umbro, Falanghina del Sannio… in generale un buon bianco secco e ben fresco.
You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.