GRAPPA AL GINEPRO

grappa ginepro2

Il ginepro è una pianta arbustiva molto resistente che cresce spontaneamente in tutte le zone alpine, preferibilmente in luoghi sassosi o rocciosi, addirittura fino a 2.500 metri di altitudine. Le bacche,  più o meno delle dimensioni del mirtillo e molto aromatiche, sono di colore blu scuro solo quando hanno raggiunto la completa maturazione (che richiede circa 2 anni).

Il ginepro è molto usato per la distillazione, in cucina per aromatizzare  le carni, in farmacia per la sue molteplici proprietà: tonico, digestivo, stimolante dell’appetito, diuretico, antisettico. Ha tuttavia qualche controindicazione nei casi di infiammazioni gastroenteriche o malattie renali.

La grappa aromatizzata al ginepro ha – o almeno così si dice – proprietà espettoranti e antinfluenzali; il gusto è gradevole e quindi, se volete verificare, non vi resta che provare.

Ingredienti:

1 litro di grappa

4-5 bacche di ginepro mature (potete anche trovarle in vasetto per uso gastronomico, sugli scaffali dei supermercati tra le spezie)

1 rametto di ginepro (questo dovete proprio raccoglierlo in montagna, possibilmente con qualche bacca ancora attaccata; se non vi è possibile trovarlo, raddoppiate la quantità delle bacche)

facoltativo: sciroppo di acqua e zucchero se volete un gusto più dolce (vedere ricetta “grappa al mugo” su questo blog.

Preparazione:

– Versare la grappa in un vaso a chiusura ermetica ed unire le bacche leggermente schiacciate e il rametto di ginepro

– Lasciar macerare al sole o in luogo caldo per 60 giorni

– Togliere le bacche conservando il rametto di ginepro che verrà poi messo in bottiglia; a questo punto si può aggiungere lo sciroppo se si vuole un liquore più dolce

– Filtrare il liquore utilizzando gli appositi filtri di carta

– Introdurre nella bottiglia il rametto di ginepro e con un imbuto versarvi  il liquore precedentemente filtrato.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.