CREME BRULEE

creme brulee 2

Le prime volte che ho assaggiato in Francia – Provenza o Parigi – la crème brulée,  il mio palato è letteralmente andato in estasi. Ho provato tante ricette di questo delizioso dessert (molto simile alla spagnola “crema catalana”) e dopo anni di tentativi poco convincenti ho finalmente messo a punto una ricetta che si avvicina a quella francese con un’alta approssimazione (96-98% ?). I miei ospiti sono stati soddisfatti, incluso uno dei miei più severi critici, mio figlio.

E’ d’obbligo ricordare che questa ricetta è poco indicata per chi è a dieta o per chi ha il colesterolo alto. Se però non avete questi problemi, provatela perchè è deliziosa.

Le dosi sono per 6 persone.

Prima di mettervi al lavoro, verificate di avere in casa:

6 pirofile in coccio o porcellana da forno – diametro 10-12 cm – altezza circa 2 cm.

l’attrezzo per bruciare lo zucchero che può essere l’apposito ferro  (in Italia si può trovare in qualche mercato ben fornito) o una specie di “torcia lanciafiamme” che potete acquistare nei negozi di casalinghi.

Ingredienti:

8 tuorli d’uovo

225 gr. di zucchero per la crema

40 gr. di zucchero (di canna o bianco) per il caramellato

1 litro di panna fresca

1 stecca di vaniglia

Esecuzione:

– Scaldare la panna con i grani della vaniglia (o con la stecca aperta) senza farla bollire

– Montare le uova con lo zucchero e aggiungere pian piano la panna appena tolta dal fuoco

– Passare tutto in un colino e versare nelle pirofile

– Cuocere in forno a 100 gradi per ore 1,15-1,20

– Mettere tutti gli stampi in frigo dopo averli lasciati intiepidire

– Al momento di servire spargere sulla superficie  un po’ di zucchero e caramellare con l’attrezzo apposito. L’aspetto deve risultare come nella foto: lo zucchero “brulé” deve formare una crosticina croccante che si spezza con un colpo di cucchiaino e contrasta con la morbidezza della crema, e questo contrasto di morbido e croccante è proprio il segreto di questa delizia.

Non resta che augurare buon appetito…

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.