CANOCCHIE IN BIANCO

image

La Squilla Mantis, volgarmente detta canocchia, o pannocchia, o cicala di mare, o un altro dei tanti nomi dialettali attribuitile nelle varie regioni, è un crostaceo molto diffuso nel Mediterraneo e in particolare nell’Adriatico.  Vive in una profondità e può raggiungere una lunghezza di circa 20 cm.; la carne, racchiusa in un carapace grigio, ha un sapore dolce e delicato, ottima per antipasti (bollita o cotta a vapore) o sughi per la pasta.

Lessata e condita con olio, limone e prezzemolo è veramente squisita, a condizione che sia freschissima e di pezzatura abbastanza grande.  Ed è proprio questa la ricetta del post di oggi: potete servire questo piatto come secondo o, in quantità ridotte, come antipasto in un pranzo di pesce.

Le dosi sotto indicate sono sufficienti per 4 porzioni se servite come secondo piatto o anche 8-10 porzioni come antipasto.

Ingredienti

kg. 1,200 di canocchie freschissime e “piene” (le canocchie migliori si pescano nei mesi freddi)

Olio extravergine d’oliva

sale, prezzemolo, limone spremuto

Esecuzione

– Prima di iniziare mettete sul fuoco una pentola con acqua salata

– Con le forbici tagliate tutte le zampette  sul ventre delle canocchie, praticate un taglio lungo tutto il ventre e rifilate i bordi taglienti del carapace

– Lavate le canocchie in acqua fredda

– Tuffate i crostacei nell’acqua bollente: la cottura è brevissima, un paio di minuti; sono pronte quando assumono un colore rosato

– Raccoglietele con un mestolo forato, fate sgocciolare l’acqua e depositatele sul piatto da portata

– Conditele con olio extravergine, limone e prezzemolo tritato. Sono ottime calde, fredde o a temperatura ambiente.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.