BUDINO DI AMARETTI

budino amaretti 6

Morbidi, cremosi, nutrienti e tanto tanto buoni… sono i budini, tra le più antiche testimonianze della tradizione italiana. Capolavori che le nostre nonne sapevano bene come creare con un po’ di latte uova e zucchero. Oggi si vive di corsa, ma proviamo a impiegare un po’ del nostro tempo per conservarle, queste tradizioni.

Per questo vorrei darvi la ricetta di questo fantastico budino, ispirato all’antichissimo bonèt – dolce piemontese composto di uova, latte, zucchero e amaretti – le cui tracce lo fanno risalire addirittura al XIII secolo.

Ingredienti per 6-8 porzioni:

3-4 uova

500 gr. di panna liquida fresca

100 gr. di amaretti

4 cucchiai di zucchero semolato  + 2 per il caramello

Esecuzione:

– Per prima cosa caramellate lo stampo: mettetelo sul fuoco a fiamma media con i 2 cucchiai di zucchero; nel liquefarsi assumerà un colore biondo tendente al bruno; quando lo zucchero sarà ben liquefatto, con una pinza muovete lo stampo in modo da far scivolare il caramello lungo tutte le pareti, aiutandovi con un cucchiaio per rivestirle completamente. Fate attenzione a non ustionarvi, in questa fase lo zucchero è rovente e lo stampo anche

– Separate i tuorli dagli albumi (che userete dopo), unite lo zucchero e battete con la frusta o con un frullino fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso

– Unite la panna e gli amaretti sbriciolati, continuando a battere per amalgamare gli ingredienti

– Montate gli albumi a neve fermissima e uniteli delicatamente al composto facendo attenzione a non smontarli

– Ora versate tutto nello stampo già caramellato

– Cuocete a bagnomaria in forno a 150° per circa 2 ore. Verificate la cottura con la solita prova dello stecchino

– Terminata la cottura togliete dal forno e lasciate intiepidire. Rovesciatelo infine sul piatto di portata e fatelo raffreddare  in frigo per almeno un paio d’ore.

NOTA: Pubblico questa ricetta per gentile concessione di Livia che l’ha realizzata.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.